Patologie, malattie, virus - Coltivare l'orto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Patologie, malattie, virus

Antologia > Tutti gli argomenti > Patologie, malattie, virus
Patologie, malattie, virus



La produzione dell'orto è insoddisfacente, senza motivi apparenti? Forse il problema sta nel terreno, che può essere infestato dai nematodi o altri parassiti. Questi, infatti, attaccando le radici indeboliscono notevolmente le piante. Il sovescio attuato con piante nematocide è una pratica assolutamente biologica per sterilizzare il terreno ed eliminare nematodi, funghi, e molti altri parassiti che vivono nel terreno



Capita sempre più spesso di raccogliere nel proprio orto pomodori malformati. Non è chiaro da cosa possa dipendere. Gli esperti suggeriscono alcune possibili spiegazioni e qualche attenzione da mettere in campo sperando che possa essere utile.



Da qualche anno molti coltivatori di orti familiari sono perseguitati da una specie di “Peste delle zucchine”. Nonostante le piante siano rigogliose, i frutti sono veramente pochi e molti zucchini, appena sono lunghi 5-6 centimetri, marciscono. Eccoalcuni rimedi, compresa l’impollinazione manuale


La ruggine si presenta con tipiche macchie concentriche a forma di pustole, sotto le foglie. Inizialmente sono gialle, poi diventano arancioni e rossastre. A maturità lasciano fuoriuscire una polvere bruna, cioè le spore del fungo che il vento dissemina nell’ambiente. Non è una malattia pericolosissima ma in caso di attacchi forti provoca la morte della pianta






Nella annate particolarmente umide le foglie delle fave possono presentare delle macchie rotonde con fondo bruno-rossiccio, biancastre al centro, orlate di una zona più scura, con qualche altra zona concentrica interposta: l’aspetto assolutamente caratteristico della macchia giustifica il nome volgare di Occhio di pavone dato a questa alterazione.



Il miglior metodo per combattere la peronospora è conoscerla. In effetti, si tratta di una malattia insidiosa che può essere solo prevenuta, e non curata. Esistono prodotti chimici in grado di esercitare una blanda azione curativa dell’infezione in atto, ma si tratta di prodotti “sistemici” che mettono in circolazione nella pianta sostanze chimiche che vengono poi assorbite da chi consuma i frutti.



Le piante più soggette alle infezioni di peronospora sono la vite, il pomodoro, la patata e la rosa. Ecco alcune indicazioni sulle procedure consigliate per il contrasto del fungo. Secondo la regola dei tre dieci, le infezioni hanno inizio quando si verificano tre condizioni: temperatura minima almeno 10 °C, piogge di 1° mm concentrate in uno o due giorni, germogli delle piante lunghi circa 10 cm.



La peronospora è la malattia fungina più frequente tra le piante dell’orto, del giardino e del frutteto. Per alcune come il pomodoro, la patata, la vite e la rosa è assolutamente la malattia principale e la più pericolosa. Dopo molti tentativi di contrasto, nel 1885 venne messa a punto la poltiglia bordolese, cioè solfato di rame addizionato con calce spenta. Però anche questo rimedio, usato universalmente, ha solo effetto preventivo: occorre assolutamente evitare che la malattia aggredisca le piante

La concimazione fogliare è una tecnica di nutrizione delle piante che sfrutta la loro capacità di assorbire acqua e sali minerali attraverso le foglie. Bisogna tenere conto che le piante sono portate naturalmente a nutrirsi attraverso le radici:  i quantitativi di nutrienti somministrabili attraversi le foglie sono più bassi, anche se molto efficaci.



Esistono piante dette acidofile, cioè amanti del terreno acido.
L'acidità è una caratteristica del terreno che si misura con un valore, detto pH, che può variare in più o in meno rispetto ad un valore medio pari a 6,5-7. I terreni con questo valore di pH si dicono neutri. Quelli con valore più basso si dicono acidi, quelli con valori suoeruiori si dicono alcalini o basici.



Tra i rimedi biologici più efficaci per la lotta ai parassiti dell’orto, si afferma un preparato composto da tre essenze spesso usate singolarmente. L’unione di aglio, cipolla e peperoncino, in una ricetta che proviene dagli USA e prende il nome di Horganic Hot Spray, sembra dare risultati brillanti contro la maggior parte dei parassiti.



 
Il pomodoro può essere aggredito da molte malattie, e spesso non riusciamo a capire di quale si tratti, perché molte hanno sintomi simili. Il Virus del cetriolo, invece, può colpire il pomodoro con degli effetti molto caratteristici sui frutti. che consentono di riconoscerlo immediatamente. Anche altre piante vengono colpite da questo virus, come per esempio gli zucchini. In questo post, alcuni consigli per evitare le aggressioni del virus.


Lo stolbur è una malattia trasmessa da diversi tipi di cicadellidi e si manifesta con l'apparizione di foglie piccole e distorte, con una colorazione violacea anomala, e colpisce preferibilmente le piante al margine dell'aiuola. I frutti, quando ci sono, sono piccoli e malformati.

Tra i problemi più frequenti della coltivazione dei pomodori, quello del marciume apicale è certamente un o dei meno comprensibili. In effetti ancora oggi “si pensa” ad alcune cause, ma non è affatto detto che siano proprio quelle. Si da per certo che le cause non siano parassitarie né crittogamiche (batteri, funghi o virus). Ma allora, da che dipende?


Molti ortaggi hanno la cattiva abitudine di accelerare la fine del loro ciclo produttivo. Per esempio lattuga, spinaci e finocchi prefioriscono prima che si siano raccolti i frutti delle nostre cure e delle nostre fatiche. Nel campo degli ortaggi da frutto anche le melanzane, talvolta, invecchiano precocemente.

La spaccatura stellare consiste in una serie di spaccature che si dipartono dall’inserzione del peduncolo, e dallo sviluppo di successivi marciumi. E’ facilmente riconoscibile per la forma caratteristica con cui si pronuncia, e spesso lascia interdetti e incerti sulle misure di prevenzione da attuare
Torna ai contenuti | Torna al menu