Zucche - Coltivare l'orto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Zucche

Antologia > Tutti gli argomenti > Zucche
Zucche



La zucca Hokkaido o Potimarron è una zucca eccellente di prima qualita. E’ un tipo di zucca rampicante. I frutti sono di dimensioni comode per il consumo, infatti, raggiungono un peso che può variare dagli 800 ai 1500 grammi. Di questa zucca si consuma anche la scorza, che è tenera e cuoce come la polpa…


La zucca è uno degli ortaggi che possono dare maggiori soddisfazioni. Ne esistono innumerevoli varietà, da quelle pesanti poche decine di grammi a quelle che possono raggiungere i 200 kg. E' una pianta esigente in fatto di concimazione e innffiatura, e richiede molto spazio. In compenso, la si può conservare per molti mesi dopo la raccolta. In cucina è pregiatissima sia per i fiori che per i getti di alcune specie (tenerumi), come pure per la polpa che viene utilizzata in moltissimi modi.


Zucche e zucchine si incrociano tra loro con facilità. Quando i fiori femminili vengono fecondati da pollini diversi, di verifica un fenomeno detto ibridaziome, cioè nasce una specie... diversa, un incrocio. Se volete conservare la purezza del seme per ottenere piante identiche nel raccolto successivo, dovete adoottare alcune precauzioni.



Le zucche sono ortaggi di grandi dimensioni, che alla raccolta presentano un problema: come consumare tutta questa abbondanza? Ovviamente non è possibile consumare le zucche tutte assieme, dunque si pone il problema di conservarle. Si può ricorrere al congelamento o ad altre tecniche, ma in questo articolo esamineremo la possibilità di conservare le zucche al naturale, il più a lungo possibile, cioè per diversi mesi. Dunque, parleremo di come conservare le zucche intere.



La zucca centenaria (Sechium edule) è una pianta della famiglia delle Cucurbitacee, detta anche, in Italia, Zucchetta spinosa, Patata spinosa, Melanzana spinosa, Lingua di lupo. In effetti è una pianta coltivata maggiormente in sud-america dove è conosciutissima con il nome di Cayote. Non è sempre spinosa, spesso è liscia. Di questa pianta si consumano i frutti come cetrioli, le foglie e perfino le radici che, alla fine della primavera, si possono trattare come gli asparagi.



Potrà sembrare banale, ma spesso chi decide di seminare le cucurbitacee (nel nostro caso, gli zucchini) si trtova di fronte ad un dilemma: come interrare il seme? Questo infatti si presenta come un  oggetto misterioso, diverso nei suoi lati. La questione non è peregrina: interrare il seme dal verso giusto consente una uscita veloce della piantina, mentre invece…
Torna ai contenuti | Torna al menu